Due giorni al Lago Naturale – Salita al Pizzo Tre Confini

DUE GIORNI AL LAGO NATURALE E SALITA AL PIZZO TRE CONFINI

Archiviato con grandi soddisfazioni il campeggio apeino, APE Bergamo propone una due giorni in altura con pernottamento al Rifugio Barbellino, per fuggire dal caldo cittadino e andare alla scoperta degli ultimi nevai delle Orobie.

CHIEDIAMO A CHI HA INTENZIONE DI PARTECIPARE DI SCRIVERE ALLA MAIL (ape.bg.escursioni@inventati.org) ENTRO E NON OLTRE MARTEDI’ 9 LUGLIO, specificando nome/cognome/numero cellulare/eventuali allergie alimentari e non.
I POSTI SONO LIMITATI, NEL CASO SI ESAURISSERO VERRA’ DATA PRECEDENZA A CHI HA SCRITTO PRIMA.

LA PARTECIPAZIONE ALLA GITA E’ VINCOLANTE, SE CI SI PRENOTA SI VIENE (a meno di casi eccezionali). PER TALE MOTIVO VERRA’ CHIESTO DI VERSARE UN ACCONTO.

IN CASO DI BRUTTO TEMPO, A MENO DI SCENARI TRAGICI, LA GITA AVRA’ LUOGO COMUNQUE, GLI ITINERARI VERRANNO MODIFICATI A SECONDA DELLE CONDIZIONI.

PROGRAMMA
Sabato 20 Luglio: ritrovo alle ore 7:00 al parcheggio della Malpensata e partenza verso Valbondione dove, lasciata l’auto si sale al rifugio Curò. Si prosegue lungo la mulattiera verso il Rifugio Barbellino, appena prima del rifugio si devia e si sale al Lago della Malgina dove si pranza. Nel pomeriggio si torna indietro e si va al rifugio Barbellino dove si pernotta. Chi vuole e se la sente può proseguire percorrendo tutto il giro dei laghi compiendo un percorso ad anello, giungendo alla Bocchetta di Gelt. Da qui si scende al Passo di Caronella e poi al rifugio.

Domenica 21 Luglio: sveglia verso le 6 di mattina, colazione e partenza. Si segue la mulattiera percorsa il giorno prima in direzione contraria. Poco prima del rifugio Curò si devia a sinistra verso la Valle Cerviera, seguendo il “sentiero naturalistico Antonio Curò”. Si percorre la valle fino al Passo di Bondione, da qui si lascia il sentiero e seguendo la traccia alpinistica si sale al Pizzo Tre Confini dove si pranza. Nel pomeriggio ritorno al Curò e da qui a Valbondione.

Nella serata di Sabato, dopo un po’ di meritato riposo, avremo il piacere di parlare di ghiacciai alpini e cambiamenti climatici, con un piccolo focus su quello che resta dei nevai orobici (che poi osserveremo il giorno dopo).
A parlarci dello stato di salute in cui versano i ghiacciai delle Alpi ci sarà Andrea Toffaletti, glaciologo del Servizio Glaciologico Lombardo.

DETTAGLI ITINERARI
1) Valbondione – Lago della Malgina – Rifugio Barbellino
Distanza: 14 km circa
Dislivello: 1450mt circa (D+)
Altitudine massima: 2339mt
Livello: E
Acqua sul percorso: si
Pranzo: al sacco da casa
N.B: se qualcuno non se la sentisse di salire al Lago può proseguire direttamente al Rifugio Barbellino. In questo caso calcolare circa 4,5km in meno di cammino e 250mt in meno di dislivello.

1.1) Valbondione – Bocchetta di Gelt – Rifugio Barbellino (variante)
Distanza: 19 km circa
Dislivello: 1850mt circa (D+)
Altitudine massima: 2727mt
Livello: EE, brevi tratti A-F
Acqua sul percorso: si
Pranzo: al sacco da casa
N.B: questa variante è parecchio esigente dal punto di vista fisico, un po’ per la distanza e anche per il dislivello. Ognuno è consapevole del proprio stato di forma e libero di decidere se allungare l’itinerario, tenendo presente che al primo posto c’è la salvaguardia di se stessi e dei proprio compagni.

2) Rifugio Barbellino – Pizzo Tre Confini – Valbondione
Distanza: 18 km circa
Dislivello: 900mt circa (D+)
Altitudine massima: 2824mt
Livello: EE, dal Passo di Bondione A-F
Acqua sul percorso: si
Pranzo: al sacco, fornito dal rifugio
N.B: Dal Passo di Bondione si lascia il sentiero e si seguono i bolli che in circa 40 minuti conducono alla cima. Questo tratto, seppur non difficile e fattibile, è abbastanza esposto e può presentare difficoltà per chi soffre di vertigini e non è abituato al “vuoto”. Se non ce la si sente, ci si può tranquillamente fermare al Passo di Bondione.

COSTI
Il costo della gita varia tra i 45 e 55 euro, a seconda del numero dei partecipanti. Il prezzo definitivo verrà comunicato una volta terminate le prenotazioni. Il prezzo include:
– cena al Rifugio Barbellino (le bevande, ad eccezione dell’acqua naturale, sono escluse)
– pernottamento al rifugio
– panini, acqua e frutta per il giorno dopo, preparati dai rifugiati

CHIEDIAMO A CHI HA INTENZIONE DI PARTECIPARE DI SCRIVERE ALLA MAIL:
ape.bg.escursioni@inventati.org
SCRIVETE ENTRO E NON OLTRE MARTEDI’ 9 LUGLIO.
LA PARTECIPAZIONE ALLA GITA E’ VINCOLANTE, SE CI SI PRENOTA SI VIENE (a meno di casi eccezionali). PER TALE MOTIVO VERRA’ CHIESTO DI VERSARE UN ACCONTO.


admin

..il network nazionale


Sempre più in alto, per una nuova umanità

A.P.E. - Alveare dell'Associazione Proletari Escursionisti dal 1919