Nasce l’Associazione A.P.E. Brescia

Martedì 28 maggio 2019, dopo un percorso informale durato poco più di tre anni, nasce ufficialmente l’Associazione di Promozione Sociale “Associazione Proletari Escursionisti Brescia”, che si rifà idealmente alle precedenti esperienze dell’APE storica.

L’Associazione Proletari Escursionisti, va per la prima volta a congresso a Milano il 7 novembre 1921, la sua nascita è databile a due anni prima. Tra sport popolare e antifascismo, passione per le attività in ambiente montano e socializzazione delle fasce più deboli della società, “apeine” ed “apeini” hanno costruito un modo inedito e popolare di praticare l’escursionismo e l’alpinismo.

L’APE storica conobbe tuttavia nel 1926, con la promulgazione delle “leggi fascistissime” uno stop definitivo alle sue iniziative pubbliche e il progressivo passaggio alla clandestinità, alle patrie galere, quindi alla Resistenza partigiana, di molte e molti suoi esponenti.

All’indomani del 25 Aprile 1945, anche le attività del consorzio ripresero, senza tuttavia la spinta rivoluzionaria e la forza dei primissimi anni ’20.
Alle prese con una società profondamente mutata dai consumi di massa e da una mitologia alpina e hymalaiana (tanto diversa da quella del fascismo, quanto nuovamente distante dal suo stile peculiare) l’Associazione trova casa in una decina di sezioni che si avvicenderanno fino agli anni ’80, dotandosi anche di un rifugio presso i Piani Resinelli, nel cuore del gruppo delle Grigne.

A metà degli anni ’80, dopo un breve periodo di stop delle attività, la sola sezione lecchese rinasce sotto l’egida di un esclusivo impegno sportivo, riunendo la vecchia guardia di arrampicatori e scialpinisti ed una nuova generazione di marciatrici e corridori.
La sua sede è ancora aperta al rione Rancio, in via Saverio Fritsch al civico 17.

In vista dell’anniversario dei nostri primi 100 anni (7 novembre 2019) stiamo lavorando a digitalizzare tutto il nostro archivio storico mentre dal 21 al 23 giugno 2019 si svolgerà il campeggio nazionale nelle prealpi lecchesi.

Ad oggi sono sei le nuove sezioni che abbracciano le città di Milano, Roma, Brescia, Bergamo, Napoli e Grosseto.

Nata originariamente nel 1923, e rinata nel 2015, la sezione bresciana ha trovato casa presso la redazione di Radio Onda d’Urto dove ci troviamo per programmare le nostre attività. Dalla prima gita (22 novembre 2015) ad oggi tra escursioni, sentieri partigiani, visite a musei della Resistenza, trekking urbani, cene sociali, presentazioni di libri e proiezione di film abbiamo svolto circa 90 eventi.

In questi anni, da un piccolo nucleo, il nostro sciame si è fatto più numeroso escursione dopo escursione. Se il nostro viaggio all’inizio del suo percorso era in cerca di conferme, possiamo dire che non una, ma molte conferme abbiamo avuto della bontà del progetto Ape Brescia.

Preso atto di questo ora è tempo di strutturare l’esperienza per garantirgli solidità nel futuro e garantire una maggiore tutela per tutte le partecipanti e tutti i partecipanti alle escursioni proposte ci pare essere il modo migliore per segnare un cambio di passo, ora che la gamba – con decine e decine di escursioni all’attivo – c’è. E farlo nell’anno del centenario della fondazione della storica Associazione Proletari Escursionisti sarà di buon auspicio per gli anni a venire.

Lo facciamo il 28 maggio 2019 alle ore 12.30 in Piazza della Loggia davanti alla stele dei caduti della strage del 1974.


Sempre più in alto, per una nuova umanità

A.P.E. - Alveare dell'Associazione Proletari Escursionisti dal 1919