Rifugi Laeng e San Fermo all’ombra del Pizzo Camino

Domenica 9 giugno con un magnifico itinerario all’ombra del Pizzo Camino e della Cima Moren abbiamo raggiunto i rifugi Laeng e San Fermo, posti in un suggestivo ambiente che richiama un contesto di tipo dolomitico.

Dati in breve
Distanza: 16 Km
Dislivello: 1000 m D+
Tempo di percorrenza: 6 h pause escluse
Difficoltà: impegnativo

Partiamo dalla chiesa di San Fiorino (quota 980 m) e seguiamo la strada in salita; poco dopo si lascia sulla sinistra il bar Navertino, nel giro di alcune centinaia di metri bivio a T da prendere verso destra.
Da qui la strada è etichettata come sentiero 82 e poco dopo diventa cementata, ripida, frequentata da numerosi gitanti e qualche auto fino al Lago di Lova (40′, 1300 m). Poco prima del lago, la strada presenta una deviazione a destra, ma noi teniamo la sinistra e proseguiamo diritti su nel bosco tra tornanti. Passiamo a monte di una sorgente (ultimo rifornimento prima del rifugio), fino a raggiungere una sterrata orizzontale che segna il termine del bosco (1 h 15′ – 1 h 30′): la sterrata a destra porta verso il Laeng (sent. 82/a), a sinistra verso il S.Fermo (sent. 82).
Da questo punto inizia un percorso ad anello. Andiamo a destra e poco dopo ad un bivio segnato si devia a sinistra (82a), risalendo il prato; la salita è molto panoramica con vista sulla Concarena, poi si entra in un bosco (versante nord) e si taglia un pendio in orizzontale. Una breve discesa verso la conca di Varicla ed una risalita finale portano al rifugio Laeng (1750 m, 2 h 20′ – 2 h 30′), posizionato sotto una imponente rupe, contrafforte del pizzo Camino.
Dal rifugio si imbocca il sentiero 82-83, poco dopo si lascia sulla destra l’83 che sale verso il Pizzo Camino e ci si tiene sull’82, che sale passando accanto ai ruderi del rifugio Coppelletti, inaugurato nel 1934 e distrutto dai nazifascisti nel ’44 in quanto rifugio dei partigiani. La salita sfiora i 2000 m e si trasforma in una lunga traversata in quota che in qualche tratto richiede prudenza soprattutto se in presenza di fondo bagnato (attraversamento canali, tratti a monte di prati ripidi, buon sentiero comunque).
Passato il bivio con l’82b (che sale deciso verso destra direzione cima Moren) si inizia a scendere verso la chiesetta ed il rifugio di San Fermo, visibili da lontano (1870 m, 1 h 15′ dal Laeng).
Sempre seguendo l’82 si continua la discesa fino a raggiungere la sterrata orizzontale che presa verso sinistra riporta al bivio per il quale si è già passati all’andata, con la stradina che saliva da Borno e dal Lago di Lova ed in breve si rientra al punto di partenza.

Per partecipare alle escursioni è richiesta l’iscrizione all’associazione APE Brescia; per i minori l’iscrizione è gratuita, mentre per i maggiorenni è prevista una quota annuale di €. 10,00. Se non siete ancora iscritti potete comunicarci i vostri dati compilando questo modulo:

https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSezKwNiQ2gOGGEYJJe3YL23Hb6jXUJGlpcu-NKSR-9XrPIGug/viewform

Per maggiori informazioni scriveteci all’indirizzo apebrescia@gmail.com


Sempre più in alto, per una nuova umanità

A.P.E. - Alveare dell'Associazione Proletari Escursionisti dal 1919